” L’arredo è di un minimalismo elegante ed essenziale come la vita contadina che vi abitava, fatta di grandi sacrifici, duro lavoro, serenità. La volontà è quella di esaltare questi monumenti portandoli allo scoperto così come sono, veri, autentici, affinché il mondo conosca il vero dna, un po’ smarrito, di Alberobello

– Alessandro Paiano – Alberobello


Logo Rione Pentimi Alberobello

Il rione, soprattutto in passato, era il luogo in cui diverse origini ed estrazioni culturali si fondevano. Abitazioni, botteghe, artigiani, animavano quei luoghi: odori, suoni, sapori, colori e linguaggi tutti concentrati in piccoli vicoli che conservano ancora oggi il gusto di una volta.

L’evoluzione è affascinante; si andava tutti a lavorare la terra, e questa era l’unica vera amara certezza; al rientro a casa, nell’attesa della cena, si riparavano attrezzi per sè stessi e per gli altri; nasce così l’hobby delle riparazioni, che mette in risalto le abilità dell’uomo di fronte alle necessità. “mest Vtuccj il cestaio” realizzava e riparava sedie, cesti, sporti per far seccare i fichi e cappelli in paglia, fatti con i fasci secchi di legna fatta seccare durante l’estate; mest Vastianein il sarto realizzava o ricuciva pezzi di stoffa finemente lavorati; mest Franchin il calzolaio riparava o realizzava scarpe, cinture e cuoio; mest Pierin il falegname chiaramente indaffaratissimo con le riparazioni del legno, unico vero elemento esistente insieme al ferro e alla pietra. Tutte queste e tante altre figure sono nate per necessità e passatempo nelle stesse abitazioni a trulli nel Rione Pentimi

Siamo appena nel 1700 ed è in questo periodo che si colloca la filosofia di RIONE PENTIMI. Successivamente, i figli di quei contadini, già abituati al lavoro nei campi, osservano i propri genitori e iniziano così a preferire quel lavoro manuale “fatto in casa” più leggero e meno faticoso del lavoro nei campi. Inizia un primo lieve abbandono delle campagne, in virtù di guadagni più facili dell’artigianato rispetto alla agricoltura. Nascono così i primi fabbri, stagnini, falegnami, sarti. Il secondo tempo di questo periodo è quello che vede protagonista l’artigianato che poi vedremo impoverirsi di fronte alla industrializzazione dei tempi moderni.


Quattordici trulli
Rione Pentimi

U'Scarper

Quattordici storie
Rione Pentimi

mbà Franghein

Quattordici luoghi dell'anima
Rione Pentimi

mbà V'tuccj

Quattordici luoghi dell'anima
Rione Pentimi

U'Sart

Quattordici luoghi dell'anima
Rione Pentimi

mbà V'tuccj

previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider